San Martino dei Briganti 2018


San Martino dei Briganti 2018

Domenica 11 novembre dalle ore 16.00

Borgo Case Troiano di  Spoltore (Pe)


Storie di briganti abruzzesi e del Pescarese, il brigantaggio a Spoltore, la musica e i canti della tradizione con la presenza dei suonatori di zampogne e ciaramelle.
Ed ancora: l’agiografia della vita del santo nella storia abruzzese come raccolta e raccontata dagli storici De Nino e Finamore con i testi presenti alla biblioteca nazionale di Firenze, raccontata da docenti universitari.
La figura di San Martino nelle rappresentazioni popolari, un corso di degustazione di olio extravergine d’oliva tenuto da Marino Giorgetti, massima autorità nel campo dell’analisi sensoriale evo.
Seminario sui prodotti di stagione con laboratorio aperto a tutti i presenti per illustrare gli antichi saperi tramandati di madre in figlia, dalle nostre nonne, dei dolci poveri quali “rivotiche” e “sgajuzze”, degustazione di vino novello tenuto da sommelier di fama nazionale.
Questo e molto altro per il settimo appuntamento del San Martino dei Briganti organizzato, come consuetudine dall’Associazione Fontevecchia di Spoltore (Pe).
L’evento, uno dei più attesi nel corso dell’anno, si svolgerà domenica 11 novembre nel borgo Case Troiano di Spoltore (Pe) con inizio dalle ore 12,00.
La manifestazione inizierà con il laboratorio tenuto dalle socie di Fontevecchia nel corso del quale sarà insegnato come realizzare i dolci poveri del San Martino. Rivotiche, sgajuzze e la torta che porta il nome del santo nel cui impasto è previsto solo mosto cotto al posto dell’acqua. Nel pomeriggio, alle 17,00 dopo la messa in latino nella chiesa della SS. Trinità e la visita all’altare devozionale popolare realizzato in un fondaco delle abitazioni, spazio ai brani de “La vita di San Martino” tratti dall’Agiografie dei Santi, poi sarà la volta del capo panel per d’olio d’oliva Marino Giorgetti che terrà l’attesissimo corso per assaggiatori evo prodotto in loco, spiegando i metodi ed i modi per riconoscere un buon prodotto da uno adulterato o mal conservato.
Successivamente ci sarà ancora spazio per la tradizione con le musiche popolari di zampogne, ciaramelle e ddubbotte de I Gigli d’Abruzzo.
Al termine dell’evento, sarà preparata una tavola dove tutti i presenti potranno assaggiare, gratuitamente, l’olio ed il vino novello, le “rivotiche” tipiche frittelle larghe fatte utilizzando acqua e farina; il dolce di San Martino per il cui impasto viene utilizzato il mosto cotto.
L’evento, che si richiama al ciclo calendariale delle tradizioni popolari contadine, organizzato in collaborazione con Beato Marco d’Aviano, I Gigli d’Abruzzo e Panificio Giglio. La partecipazione è GRATUITA.



Info: 331/6796820


© riproduzione riservata


Calendario eventi